it-ITen-GB
Language


1. Comunicare nell’Era Digitale

1. Comunicare nell’Era Digitale

Ho pubblicato oggi su BitMAT il primo di tanti articoli dedicati alla Comunicazione Aziendale nell'Era Digitale.

Perché le Aziende sottovalutano così pesantemente la Comunicazione, privilegiando azioni più marketing e dirette? Cerchiamo di capire con questi articoli settimanali quanto sia importante Comunicare al giorno d’oggi, soprattutto sui canali digitali, e vediamo come farlo per essere vincenti.

Mi occupo di Comunicazione da più di vent’anni, e ancora oggi non comprendo perché la maggior parte delle aziende italiane non pongono la dovuta attenzione su questa delicata e importante tematica. Anzi, se devono tagliare una spesa aziendale, la prima è proprio quella relativa alla Comunicazione, e non quella dedicata alle cialde per il caffè…

Comunicare il proprio brand, il proprio prodotto, creare una propria identità digitale (oggi quanto mai indispensabile), rafforzare la propria reputazione sul mercato e riconoscibilità del proprio marchio sono il sinonimo di un’azienda sana e vincente. Certo, poi ci dev’essere alle spalle un comparto marketing di tutto rispetto, di vendita e di qualità del prodotto (lo davo per scontato, anche se non troppo).

Mi piacerebbe sapere se stai comunicando al meglio la tua attività, il tuo prodotto, i tuoi servizi, o te stesso, in maniera vincente, attuale. Che mezzi usi? Come fai a far conoscere i tuoi prodotti o servizi, o semplicemente a far sapere che ci sei? Dove comunichi maggiormente? Ti rivolgi ai Media o su Internet tramite il tuo sito aziendale, o meglio ancora sui Social? Come comunichi sui Social e che ritorni stai avendo? Hai una pagina, un profilo o un blog? Se usi un’Agenzia di PR per la Comunicazione, è questa davvero efficace e ti sta supportando nel business, dandoti dei benefici concreti e misurabili?

Ma soprattutto, sei sicuro che quello che stai comunicando sia effettivamente ciò che il mercato sta percependo di te e dei tuoi prodotti?

Quante domande, e soprattutto quanti dubbi. Eppure ci sono delle strategie che possono essere gestite, misurate e attuate. Come? Lo spiegheremo in una serie di articoli settimanali, dove cercherò di aiutarti a ragionare, a suggerirti come comunicare in maniera efficace nell’Era Digitale.

Non vorrei passare per quello che si inventa “guru” e con i segreti del Sacro Graal della Comunicazione nel cassetto. Mi ritengo un semplice un imprenditore che ha imparato sulla propria pelle alcune regole vincenti per una corretta Comunicazione aziendale, e che vuole semplicemente condividerle con chi non ha risultati ottimali in termini di visibilità, credibilità e di presenza forte sul mercato, con conseguente calo del fatturato.

Analizziamo per un momento il terreno nel quale ci stiamo muovendo oggigiorno.

Il mondo del lavoro è cambiato. Non esiste più il lavoro generazionale. I robot ci stanno sostituendo per una produttività sempre più elevata a scapito di posti di lavoro (l’ha ricordato recentemente anche il Santo Padre con un suo monito durante un suo viaggio in Sud America). Quindi, come possiamo far fronte al cambiamento? Con due parole fondamentali: riconoscibilità e fiducia.

Come sappiamo esistono da sempre differenti modi di proporre un nostro prodotto, un servizio, o per far riconoscere il nostro marchio. Quello più facile e conosciuto è quello della “pubblicità”. Tutt’ora si fa pubblicità (azione tipicamente di marketing, però): sui canali media (carta stampata, TV, radio, siti web…), e che generalmente interagiscono (o dovrebbero interagire) con i potenziali clienti. Alla fine, tutti noi imprenditori dobbiamo monetizzare i nostri sforzi, perché con la gloria non si pagano tasse, bollette, fornitori e stipendi. Oggi però i tassi di conversione non sono più gli stessi di qualche anno fa, e sono drasticamente cambiati. Non è più scontato quindi che chi guarda la nostra pubblicità diventerà sicuramente un cliente.

Perché? Perché il nostro possibile cliente ha cambiato abitudini.

Noi stessi abbiamo cambiato le nostre abitudini, se ci pensiamo bene. Leggiamo di meno, ascoltiamo di più e guardiamo di più. Questo grazie alle tecnologie che usiamo tutti i giorni, a partire dallo smartphone, e alla diffusione della banda larga.

Pensate, fino a sei anni fa, noleggiavamo i DVD dei film da Blockbusters, prima che fallisse definitivamente. Dieci anni fa noleggiavamo ancora le videocassette, che oggi ci sembrano strumenti preistorici. Oggi i film li vediamo in streaming sul cellulare, o sullo Smart TV collegandoci a Netflix, o su Sky On Demand.

Non stiamo parlando di secoli, ma di qualche anno fa.

- Il resto dell'articolo puoi continuare a leggerlo qui
Articolo Precedente Su BitMAT ogni lunedì si parla di Comunicazione
Prossimo Articolo 2. Comunicare nell’era digitale – introduzione alle PR tradizionali
Stampa
745 Valuta questo articolo:
5.0

Si prega di eseguire illogin or register per inviare commenti.

Il tuo nome
Il tuo indirizzo e-mail
Oggetto
Messaggio:
x

Seguimi sui social

Inserisci la tua migliore mail per essere sempre aggiornato: Invia

Termini Di UtilizzoPrivacyCopyright 2018 by Luca Monticelli